Scopri come preparare: plumcake al limone
plumcake al limone

plumcake al limone

Colazione,Dolci e Dessert
Tutto il profumo dei limoni in una morbida coccola dorata: il plumcake al limone è il dolce perfetto per risvegliare i sensi e iniziare la giornata nel migliore dei modi. Difficile non farsi tentare! Prepariamolo insieme a casa con Grand Chef Evolution.
Procedimento

Il plumcake al limone, soffice e profumatissimo, è uno dei classici dolci da prima colazione che non dovrebbe mai mancare al nostro risveglio, magari accompagnato da un buon caffè, una tazza di latte o un cappuccino. Fatto con ingredienti semplici e genuini che lo rendono goloso e morbido, il plumcake con panna si arricchisce di profumi intensi grazie all’aggiunta della scorza grattugiata di limone non trattata che gli conferisce un sapore deciso e aromatico.
Buonissimo al naturale, spolverato di zucchero a velo, questo dolce al limone diventa sofisticato trasformandosi in un dessert per le grandi occasioni se ricoperto da una glassa al limone vellutata, che colando lungo le pareti regala al plumcake una consistenza ancora più umida e gourmand.

Il segreto per un plumcake al limone perfetto è trovare il giusto equilibrio fra morbidezza e idratazione: prepararlo con Grand Chef Evolution permette di ottenere una consistenza impeccabile, poiché grazie al suo straordinario metodo di cottura in fasi regolabili a differenti temperature, il nostro dolce avrà modo di lievitare gradualmente, diventando alto e mantenendosi soffice e umido all’interno. Che decidiate di realizzarlo con lo yogurt o con la panna, il risultato finale sarà ugualmente goloso e irresistibile!

Vediamo quindi come realizzare la ricetta del plumcake al limone in Grand Chef Evolution.

Non possiedi Grand Chef Evolution per realizzare questa ricetta?
Scopri come averlo

Procedimento per preparare il Plumcake al limone

Preparare il plumcake al limone con Grand Chef Evolution è un’operazione davvero semplice che richiede pochi passaggi.
Come prima cosa grattugiare la buccia di un limone, evitando la parte bianca, e metterla all’interno di una terrina ampia.
Aggiungere quindi lo zucchero (possibilmente trasformato a velo), la farina setacciata, le uova, il burro precedentemente ammorbidito, la panna fresca, il succo di limone e amalgamare bene gli ingredienti con le fruste. Aggiungere infine il lievito e continuare a lavorare il composto finché non risulterà liscio, omogeneo e senza grumi.

Preriscaldare il Grand Chef Evolution a 260°C, fan alta, con uno stampo per plumcake posto sulla griglia bassa. In alternativa si può usare il tegame Professional da 22 cm.

Dopo la fase di preriscaldamento, ungere leggermente lo stampo o il tegame con un po’ di burro, versare il composto e cuocere come indicato nella scheda tecnica.

A cottura ultimata lasciare raffreddare, quindi estrarre delicatamente il plumcake al limone dallo stampo e cospargere infine con dello zucchero a velo.

Il consiglio dello chef

Per capire se il nostro plumcake è pronto o se necessita di qualche altro minuto di cottura, è sempre preferibile effettuare la prova stecchino alla fine. Nel caso si voglia utilizzare uno stampo in silicone, occorre aumentare di 15 minuti il tempo della seconda fase di cottura, portandolo a 1h:05 min.

Se si desidera una variante più leggera e digeribile di questo plumcake con panna si può realizzare un plumcake al limone e yogurt sostituendo la stessa quantità di panna fresca con dello yogurt bianco intero. Si può anche decidere di utilizzare il composto per realizzare dei gustosissimi muffin, basta distribuirlo negli appositi stampini in alluminio e far cuocere sulla griglia bassa, a 180°C con fan alta, per circa 18 minuti.

Plumcake alla panna: che fine hanno fatto le prugne?

Non tutti sanno che il nome plumcake, letteralmente “torta alle prugne”, nasce in realtà da un malinteso tutto italiano. Nel Regno Unito, infatti, questo termine indica un antico dolce di origini tedesche a base di prugne, simile a una crostata, molto diverso dalla tipica forma rettangolare che siamo abituati a vedere in Italia. L’espressione inglese corretta per definire questo dolce dalla consistenza a metà fra un pan di spagna e un ciambellone è invece pound cake, ricetta nata nel Settecento e così chiamata perché la preparazione richiedeva un pound (una libbra, circa 450 g) di ogni ingrediente, inizialmente burro, zucchero, uova, farina, canditi e uvetta.

Era un modo facile per memorizzarla, specialmente per le persone analfabete, pertanto era molto popolare: questo espediente ricorda il metodo dei 7 vasetti impiegato nella ricetta del tortino allo yogurt. In che modo da “pound” si sia poi trasformato in plumcake arrivando in Italia è ancora un mistero, ma lo stesso Pellegrino Artusi, a fine Ottocento, nella sua celebre opera "La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene" faceva dell’ironia su questo dolce definendolo “mentitore del nome suo”, dal momento che le prugne non avevano nulla a che fare con la ricetta. Non solo il nome, anche la lista degli ingredienti col tempo è stata modificata e adattata maggiormente ai nostri gusti, rendendolo uno dei dolci soffici per la prima colazione fra i più apprezzati.

Come arricchire la ricetta del plumcake al limone: aggiunte e varianti

Il plumcake al limone e yogurt (o panna) si presta a molte interpretazioni: alla preparazione base si può decidere di aggiungere altri ingredienti in modo da far contenti tutti i palati. Via libera quindi alla creatività, aggiungendo all’impasto gocce di cioccolato fondente o bianco, frutta secca a piacere, ma pure canditi e uvetta come previsti dalla ricetta originale inglese, se graditi. Inoltre, al posto dello yogurt bianco, si può optare per lo yogurt alla frutta, ancora meglio se con i pezzetti di frutta inclusi per un risultato ancora più goloso e un sapore più intenso.

Il plumcake al limone si conserva soffice e umido sino a 5 giorni se tenuto all’interno di una campana di vetro per dolci, a temperatura ambiente, oppure dentro un contenitore ermetico ad uso alimentare.

Dall’alba al tramonto: ogni momento è buono per il plumcake

Le occasioni per gustare il nostro plumcake al limone soffice e profumatissimo però non si limitano soltanto alla colazione: servito tiepido, a fette, accompagnato da un tè earl grey o da una tisana fumante insieme a delle confetture alla frutta, diventa perfetto per una merenda. Presentato in occasione di un brunch o un buffet, crea un delizioso trittico insieme ad altre ricette di dolci con il limone come la ricotta dolce al forno e i deliziosi biscotti al limone senza burro. Nelle stagioni più calde, invece, possiamo abbinarlo a un delicato gelato allo yogurt oppure a una fresca spremuta d’arancia.