La tradizione culinaria legata alla festa di Carnevale

Tradizioni
alla scoperta dei dolci di carnevale   grand chef evolution

Una festa molto amata da adulti e bambini è sicuramente il Carnevale. Tipicamente conosciuta per il folclore delle maschere e dei carri allegorici, contrariamente a quanto si possa pensare è una festa tutt’altro che pagana.
La festa di Carnevale è, infatti, una ricorrenza connessa alla Pasqua cristiana. Il nome stesso è legato al periodo di Quaresima (che segue immediatamente la festa) e deriva dalla locuzione latina “carnem levare”.

Il Carnevale è diventato nel tempo una ricorrenza piuttosto importante: già nell’antica Roma, durante i festeggiamenti, ci si mascherava lasciandosi andare a qualsiasi tipo di sfrenatezza e venivano preparati grandi banchetti. Queste tradizioni sono vive ancora oggi e per la ricorrenza si preparano ricette di Carnevale che variano da regione a regione.
 

Ricette di Carnevale: tra dolce e salato

Molte sono le ricette di Carnevale che vengono preparate in questa occasione. Si tratta di preparazioni sia salate che dolci, che prevedono l’impiego di grassi e condimento.
Tra i piatti salati tipici del Carnevale non possono mancare, soprattutto sulle tavole dei napoletani, alcuni piatti tradizionali come le lasagne o secondi piatti di carne, soprattutto ricette con il maiale.

Le lasagne di Carnevale, anche conosciute come lasagne al ragù napoletano, sono un piatto della tradizione campana che viene preparato nel periodo carnevalesco per festeggiare questa ricorrenza. A Napoli ogni famiglia possiede una propria ricetta ma, nonostante le varianti siano numerose, hanno tutte un comune denominatore: il ragù fatto in casa!
Se volete preparare la ricetta delle lasagne nel vostro Grand Chef Evolution potete seguire la preparazione realizzata dal nostro Chef.

Nella tradizione culinaria italiana legata a questa festa le ricette più numerose riguardano i dolci. I dolci di Carnevale più famosi sono le chiacchiere e gli struffoli.
Le chiacchiere di Carnevale derivano probabilmente dalle frictilia, dolci fritti dell’antica Roma preparati proprio nel periodo carnevalesco. Hanno la forma caratteristica di una striscia, talvolta arricciata come a voler formare un nodo. Si tratta di una ricetta semplice, a base di farina e pochi altri ingredienti. Per l’impasto, infatti, bisogna utilizzare:

  • Farina 00;
  • Zucchero;
  • Uova;
  • Lievito in polvere per dolci.

All’impasto può essere aggiunta, a proprio piacimento, la sambuca oppure la grappa, per conferire un sapore ed un aroma caratteristico alle chiacchiere.
Le chiacchiere possono essere cotte sia al forno che fritte e andranno servite con una spolverata di zucchero a velo.

Gli struffoli sono una preparazione dolce della gastronomia meridionale, tipica principalmente della provincia di Napoli. Questo dolce, fatto di palline di pasta grosse all’incirca quanto una nocciolina, vengono fritte nell’olio o nello strutto e, una volta pronte, vengono cosparse di miele caldo, cedro, frutta candita e confettini colorati. Questo dolce non è esclusivo del periodo carnevalesco in quanto, specie a Napoli, si è soliti consumare gli struffoli a Natale!

01 Febbraio 2018