Biscotti da preferire per la colazione

Alimentazione
quali biscotti mangiare a colazione   grand chef evolution

La colazione è probabilmente il pasto più sottovalutato della giornata, soprattutto per chi già di primo mattino è di fretta. Secondo i nutrizionisti, invece, la colazione è il pasto più importante della giornata, indispensabile per affrontare con la migliore resa fisica e mentale gli impegni, a scuola o al lavoro. Dopo il digiuno notturno è necessario assumere cibo per mettere in moto il nostro organismo fornendogli l’energia da bruciare nella prima parte di giornata.

Una buona colazione richiede il consumo equilibrato di proteine, carboidrati, fibre, grassi e zuccheri. Il consumo di un vasetto di yogurt o di una tazza di latte fornisce all’organismo un adeguato apporto proteico, mentre l’apporto di carboidrati solitamente proviene da alimenti come pane tostato, su cui è possibile spalmare la marmellata o del formaggio fresco light, oppure fette biscottate e biscotti.

I biscotti sono uno degli alimenti più gettonati nella colazione tipica italiana. Molto amati da adulti e bambini, sono sempre presenti sugli scaffali dei nostri supermercati. Ma come scegliere i biscotti giusti per la colazione?

Quali biscotti preferire a colazione?

I biscotti sono un alimento davvero delizioso che possiamo consumare in più momenti della giornata, a colazione, per accompagnare il caffè e il latte,a merenda insieme al tè oppure come dessert dopo cena.

I biscotti sono stati per decenni considerati nemici assoluti delle diete.
In realtà in commercio esistono tantissimi tipi di biscotti, sia ipercalorici sia con pochissime calorie, ed è perciò impossibile formulare un giudizio unico su questa categoria di prodotto

Se si sta seguendo un regime alimentare dietetico sono da evitare i biscotti che:

  • contengono crema;
  • sono realizzati con farina bianca;
  • sono ricchi di grassi vegetali di bassa qualità.

Altre tipologie di biscotti permettono, invece, anche a chi è a dieta di consumarne un quantitativo regolare. Pensiamo in particolare a biscotti:

  • realizzati con farine integrali;
  • fatti in casa con ingredienti di qualità e poco zucchero.

Quando si scelgono i biscotti da consumare a colazione bisogna concentrarsi su diversi aspetti nutrizionali:

  • Quantitativo di zuccheri;
  • Tipo di grasso;
  • Apporto di proteine e fibre

Gli ingredienti base dei biscotti sono la farina di frumento, lo zucchero, il burro e le uova, ed eventuali ingrediente extra per caratterizzarne il sapore.

Il nostro consiglio è quello di preferire i biscotti che hanno tra gli ingredienti olio extravergine di oliva, oli di semi di qualità o burro, evitando quelli che prevedono l’utilizzo di olio di palma. Questo grasso, infatti, contiene una elevata quantità di acido laurico, un acido grasso saturo. L'olio di palma viene spesso utilizzato dalle grandi industrie alimentari perché costa poco ed è semisolido, quindi è particolarmente adatto alla preparazione dei dolci. In pratica esso, sostituisce il burro, di cui condivide alcune proprietà nutrizionali.

Quando si segue un regime alimentare dietetico i biscotti più indicati a colazione sono i biscotti integrali perché apportano una maggiore quantità di fibra rispetto ai classici biscotti realizzati con farine raffinate. Le fibre hanno la capacità di ridurre al massimo l’assorbimento degli zuccheri e dei grassi che si trovano nel biscotto e permettono di ridurre l’impatto glicemico.

Curiosità: cosa rende i biscotti morbidi?

I biscotti fatti in casa a differenza di quelli acquistati al supermercato, non contenendo conservanti, e mantengono il proprio sapore e la propria consistenza per un lasso di tempo più breve. Esistono però alcuni accorgimenti per mantenere morbidi i biscotti.

In primo luogo è importante lasciare raffreddare i biscotti prima di conservarli; in questo modo, si evita che i biscotti una volta riposti muffiscano e si ammollino. I biscotti inoltre devono essere conservati in un luogo asciutto, pulito e lontano dalla luce diretta. È preferibile, riporre i biscotti in appositi contenitori, come ad esempio le scatole di latta.

Se volete realizzare biscotti particolarmente morbidi vi consigliamo inoltre di sostituire metà dose di farina con della fecola di patate nell'impasto, e di accertarvi che le uova siano a temperatura ambiente.

20 Giugno 2019