Scopri come preparare: Spezzatino alla Guinness
Spezzatino alla Guinness

Spezzatino alla Guinness

Piatto unico
Un assaggio di Irlanda autentica: lo spezzatino alla Guinness, noto come Irish Stew, è un gustoso stufato di agnello aromatizzato con la birra stout, perfetto per chi ama i sapori decisi. Un comfort food che possiamo realizzare con Grand Chef Evolution.
Procedimento

Un piatto che racconta di una terra lontana, di sapori intensi e antiche tradizioni: l'Irish stew o spezzatino di agnello alla Guinness, è un ricco secondo piatto simbolo della cultura gastronomica irlandese, preparato soprattutto in occasione della festività di San Patrizio, patrono dell’isola di smeraldo.

Cucinare la carne di pecora non è difficile ma occorre adottare alcuni accorgimenti in base alla ricetta che desideriamo realizzare. In particolare, la cottura di questo spezzatino di agnello deve avvenire in maniera lenta e prolungata, in modo da rendere la carne più tenera possibile e da creare un fondo cremoso e succulento, reso ancora più vellutato dalle patate e dalle carote. Il tocco aromatico conferito dall’alloro, inoltre, ingentilisce il sentore selvatico tipico dell’agnello. La birra, infine, ammorbidisce ulteriormente le fibre e gli dona un sapore rustico: in questo caso la Guinness, simbolo irlandese per eccellenza, grazie alle sue note particolarissime di caffè e cacao trasforma un semplice stufato d’agnello in un piatto di alto livello.

Grand Chef Evolution, sfruttando il suo metodo di cottura, permette di cuocere in umido il nostro spezzatino alla birra secondo tradizione grazie al sistema di circolazione forzata dell’aria calda, mantenendo intatti i nutrienti dei cibi.

La ricetta originaria prevedeva l’impiego di carne di montone, nel tempo sostituita o affiancata da quella di agnello, e può variare da regione a regione. Ciò che accomuna tutte le versioni è sicuramente la cremosità e il gusto deciso di questo stufato di agnello che lo rendono un vero e proprio comfort food per le giornate più fredde. Il tutto rigorosamente accompagnato da una pinta di birra stout, dal gusto corposo e leggermente amaro.

Ecco quindi come preparare un delizioso spezzatino alla Guinness con patate e carote in Grand Chef Evolution.

Non possiedi Grand Chef Evolution per realizzare questa ricetta?
Scopri come averlo

Come preparare lo spezzatino alla Guinness

Per preparare lo spezzatino alla Guinness, come prima cosa preriscaldare Grand Chef Evolution con il tegame da 26 cm della Linea Professional posto sulla griglia bassa a 260°C, fan alta, per 10 minuti.

Nel frattempo predisporre gli ingredienti per realizzare lo spezzatino.
Sciacquare i pezzi di agnello sotto l’acqua corrente, privandoli di eventuali frammenti ossei rimasti attaccati. A parte, pelare e lavare le patate, quindi tagliarle grossolanamente; pelare, sciacquare le carote e tagliarle a dadini; tagliare infine la cipolla a rondelle sottili.

Al termine della fase di preriscaldamento, preparare il tegame in questo modo:

  • Adagiare per primi i pezzi di agnello sul fondo del tegame;
  • Aggiungere i pezzi di patate;
  • Versare le carote a dadini;
  • Cospargere con 5 cucchiai d’olio, aggiungere quindi 3 cucchiai colmi di passata di pomodoro, circa 150 cl di birra scura (preferibilmente Guinness), qualche gambo di sedano e alcune foglie di alloro, quindi mescolare bene;
  • Coprire il tutto con la cipolla tagliata a rondelle;
  • Versare acqua calda fino a ricoprire il tutto.

A questo punto, far cuocere come indicato nella scheda tecnica, ricordandosi di mescolare ogni 50 minuti.

A cottura conclusa, lasciare riposare lo stufato di agnello alla birra circa 10 minuti fuori dal Grand Chef prima di servirlo a tavola.

Il consiglio dello chef

Se si desidera una consistenza dello stufato irlandese più densa e un sapore più deciso, prima della cottura si possono infarinare i pezzi di agnello e poi farli rosolare nel tegame caldo con olio e cipolla, quindi aggiungere tutti gli altri ingredienti aumentando però la quantità di birra a circa 250 cl.

Se avanza del brodo, è possibile conservarlo in un barattolo di vetro e congelarlo per averlo pronto all’occorrenza per la preparazione di altri piatti.

Irish Stew: storia di un’antica tradizione

Nonostante i numerosi detrattori, la carne di agnello continua ad avere nella cucina regionale una sua ricca tradizione, che riporta a un passato di vita agreste. Questo vale non soltanto per l’Italia, dove l’agnello rappresenta il simbolo della Pasqua, ma anche per l’Irlanda, Paese molto più simile al nostro di quanto si pensi, non solo per le comuni radici cristiane ma anche per l’antica cultura contadina e agropastorale, che ricorda realtà nostrane come quelle della Sardegna, dell’Abruzzo e del basso Lazio. Così, se nel Bel Paese abbiamo prelibatezze come gli arrosticini abruzzesi, il bollito di pecora o le costolette di abbacchio alla scottadito, l’Irish Stew rappresenta il modo migliore di gustare questo tipo di carne nella verde Éire.

Si tratta quindi di un prodotto della cucina povera, basato per lo più sulla cottura con il fuoco a legna che prevedeva l’utilizzo di pesanti pentole sospese sul camino o rialzate su tre piedi. L’ingrediente principale dello spezzatino irlandese era in origine il montone, dal momento che le pecore servivano principalmente per la lana e la produzione del latte. Il metodo antico di stufare la carne nasce quindi dalla necessità di rendere tenere le parti meno pregiate e più economiche dell’animale, che per via di una cottura lenta si ammorbidiscono e acquistano un sapore deciso e ricco. Si narra che questo tipo di cottura venne tramandata dagli antichi Celti, che avevano l’abitudine di cuocere carne e verdure assieme in un grande calderone posto sul fuoco vivo.

Spezzatino alla Guinness: viaggio alla ricerca della vera Irlanda

Anche se l’agnello, come detto, costituisce una parte fondamentale dell’autentica cucina irlandese, trovare la ricetta originale è sempre più raro nelle città come Dublino. In genere, infatti, per via della reperibilità della carne, si ricorre a delle varianti a base di manzo, che però perdono molto in quanto a gusto e aromaticità. Per provare il sapore della vera ricetta dello spezzatino di agnello con patate occorre quindi avventurarsi nelle zone rurali, nei piccoli villaggi, e visitare i vecchi pub, dove viene ancora servito su un letto di patate schiacciate, accompagnate dal tipico soda bread, il pane irlandese senza lievito, e dall’immancabile pinta di stout appena spillata.

I trucchi in cucina per uno spezzatino alla birra più ricco e cremoso

Come abbiamo visto, la peculiarità dello stufato irlandese è l’incredibile tenerezza della carne, con le verdure che pur non disfacendosi diventano delicate e morbide. Anche le patate giocano un ruolo importante nella riuscita di questa ricetta, difatti in base alla qualità scelta, farinosa o meno, si otterranno risultati differenti. I tuberi farinosi tendono a sciogliersi creando una crema densa, mentre gli altri si mantengono sodi, quindi l’ideale sarebbe utilizzare entrambi i tipi, facendo metà e metà.

Se preparato dal giorno prima e poi servito in tavola riscaldato, lo spezzatino di agnello alla Guinness acquisirà un sapore ancora più corposo e una consistenza più piena. Basterà aggiungere un po’ di brodo oppure mezzo bicchiere di birra. Conservato all’interno di un contenitore ermetico, dura sino a 5 giorni in frigorifero e può essere persino congelato.