Spigola: la signora del mare

Alimentazione
perche la spigola fa bene al cuore   grand chef evolution

La spigola, anche conosciuta come branzino, è un pesce azzurro di acqua salata largamente consumato sulle tavole degli italiani grazie al gusto gradevole della sua carne e agli innumerevoli benefici che apporta al nostro organismo. La spigola, infatti, non è solo un pesce pregiato e profumato, adatto ad ogni tipo di cottura e semplice da cucinare, ma anche un alimento ideale per la salute del cuore e per l’alimentazione dei neonati.

La spigola è un pesce appartenente alla famiglia delle Moronidae che possiamo trovare in commercio come specie coltivata in allevamento o pescata allo stato naturale. La differenza principale tra queste due tipologie è nel contenuto di proteine e di grassi, con quantitativi più elevati nelle spigole di allevamento, sottoposte ad un’alimentazione diversa e controllata dagli allevatori. Gli esemplari più grandi possono arrivare a raggiungere anche il metro di lunghezza e i 15 kg di peso.

Dove vive la spigola?

È possibile trovare facilmente esemplari di spigola nel Mar Mediterraneo, nell’Oceano Atlantico orientale e nel Mar Nero, ma non è difficile pescare spigole anche in acque salmastre o nei fiumi.

La spigola è una predatrice che si nutre di molluschi, crostacei ed anguille. Ama cacciare lungo le foci dei fiumi e nei porti per la presenza di gamberetti e cefali, ma quando non riesce a procurarsi pasti prelibati consuma anche bigattini, pesci morti o briciole di pane lanciate dai passanti. Proprio per le sue abitudini alimentari è definita pesce spazzino perché mangia qualsiasi preda si trovi sul suo percorso.

Esistono diversi metodi di allevamento della spigola:

  • estensivi;
  • semi-intensivi;
  • intensivi.

Negli allevamenti estensivi i pesci sono abituati a procurarsi il cibo da soli proprio come avviene in natura. Le tipologie semi-intensive o intensive possono essere realizzate in vasche di cemento o in gabbie galleggianti in mare aperto. In questo caso l’alimentazione della spigola è controllata ed i pesci consumano mangimi di diversa composizione con caratteristiche legate anche alle esigenze ambientali e fisiche dell'animale. In molti casi, i pesci allevati con queste tecniche soffrono di stress e talvolta non si nutrono regolarmente, e ciò influisce inevitabilmente in modo negativo sulla qualità delle carni.

Essendo una predatrice notturna, il miglior momento per pescarla nel suo habitat naturale è sicuramente di notte o al calar del sole, con reti da posta o reti da traino.

Gli effetti benefici della spigola

La spigola è un pesce molto pregiato e ricco di proprietà benefiche per l’organismo. È un alimento ricco di proteine, potassio, vitamine e di omega 3. Gli omega 3 sono acidi grassi essenziali che svolgono diverse funzioni importanti per l’organismo umano e la loro azione è particolarmente efficace per le arterie e il cuore.

La spigola è un pesce magro che contiene pochissime calorie, è altamente digeribile e povero di grassi saturi. Queste sue caratteristiche la rendono adatta anche per l’alimentazione di bambini e neonati. Il consumo di 100 grammi di spigola apporta al nostro organismo circa 150 Kcal.

La spigola è un prezioso alleato nella prevenzione del diabete di tipo 2; è scientificamente dimostrato come il regolare consumo di pesce nella propria alimentazione può aiutare a ridurre sensibilmente i disturbi renali dei pazienti diabetici e a regolare i livelli di glucosio nel sangue.
Altrettanto importante è l’apporto di sali minerali, in particolar modo di potassio e fosforo. Quest’ultimo è utilissimo per la memoria e per fornire energia al nostro organismo, mentre il potassio aiuta il corpo a smaltire i liquidi in eccesso.

Infine, la spigola è un’ottima fonte di vitamine del gruppo B, fondamentali per garantire il corretto funzionamento del nostro organismo, soprattutto per il sistema nervoso e per il fegato.

Qual è la differenza tra la spigola e il branzino?

In realtà non esiste alcuna differenza tra spigola e branzino: si tratta di due modi differenti per indicare lo stesso pesce: “spigola” è il termine con cui è conosciuto nell’area adriatica, e fa riferimento alle punte delle pinne a “spiga”, mentre “branzino” è il termine che gli viene attribuito nel Nord Italia e si riferisce alle branchie in vista.

Come cucinare la spigola

Spigola e orata sono due pesci molto saporiti che si prestano ad essere preparati in diversi modi.

La spigola, in particolare, è molto amata e apprezzata soprattutto per le sue carni magre e profumate. Per preservare gran parte dei suoi nutrienti preziosi, come i grassi omega 3, è preferibile cucinare la spigola al vapore, al forno o anche alla griglia. Anche se la parte più saporita della spigola è rappresentata dal filetto, si è soliti consumare ed utilizzare l’intero pesce nelle preparazioni culinarie soprattutto in casa.

Una preparazione molto nota è la spigola al sale: si tratta di una ricetta semplice che non richiede molti passaggi e che è in grado di esaltare tutto il sapore di questo alimento. Altre preparazioni particolari sono la spigola cucinata con pancetta, cipolle e arance in agrodolce e la spigola al forno con patate aromatizzate al limone.

23 Gennaio 2019