Noci: frutta secca miracolosa

Alimentazione
mangiare le noci fa bene alla salute grand chef evolution

Le noci sono il frutto dell’albero di noce, una pianta già presente oltre 9000 anni fa nelle attuali zone dell’Asia minore, e che, a partire dal VII secolo a.C., iniziò ad essere importata in Europa.
La diffusione in tutto il mondo di questa specie botanica è probabilmente da attribuire alla molteplicità d’usi che se ne possono fare: del noce da frutto è possibile utilizzare non solo i frutti, da cui si ricavano olio, vino e liquore, ma anche il legno per la produzione di mobili e le foglie, impiegate a scopo terapeutico.

Gli alberi di noci crescono in zone dal clima temperato; oltre alle zone asiatiche è possibile trovare coltivazioni della specie Juglans regia lungo la costa occidentale dell’America, in Cile e in altre zone dell’America latina. In Europa li troviamo principalmente in Francia e in alcune zone balcaniche, mentre in Italia è la Campania, con la famosa varietà “Sorrento”, la regione in cui sono maggiormente coltivati e in cui si ricava l’80% della produzione nazionale.

Come è fatta una noce?

La noce è composta da:

  • il mallo (mesocarpo), la parte più esterna che costituisce la polpa, rivestito da una buccia sottile detta esocarpo. Il mallo non è commestibile;
  • il guscio (endocarpo), duro e legnoso;
  • il seme, detto gheriglio, che è l’unica parte commestibile della noce.

Proprietà e benefici delle noci da frutto

Le noci possono essere considerate un vero e proprio frutto miracoloso: l’azione combinata dei diversi nutrienti è in grado di apportare straordinari benefici al nostro organismo; l’alto contenuto di vitamine, in particolare del gruppo B, e l’apporto di antiossidanti naturali e minerali, come calcio, ferro, magnesio, zinco e fosforo, ne fanno un alimento indispensabile in un corretto regime alimentare.

Il principale beneficio che deriva dal consumo di noci è sicuramente legato all’apporto di acidi grassi essenziali Omega 3. Questi ultimi sono fondamentali per la salute del cuore, perché in grado di prevenire malattie cardiovascolari. L’azione dei suoi grassi rende quindi la noce un valido aiuto contro il colesterolo.
L’importante azione degli Omega 3, combinata all’acido alfa-linoleico, all’arginina e al magnesio, potenzia l’elasticità dei vasi sanguigni e rappresenta pertanto un rimedio per chi soffre di pressione alta (ipertensione).
Infine, i grassi polinsaturi della noce fanno bene al cervello e sono un valido aiuto per la memoria.

Che la frutta secca faccia bene è ormai riconosciuto da tempo e dimostrato da diverse ricerche mediche. Le noci in particolare sono, inoltre, adatte anche a soggetti diabetici. L’ indice glicemico basso di questo alimento, combinato all’azione degli antiossidanti naturali, permette di trarre il massimo beneficio per la salute di pazienti affetti da diabete mellito di tipo 2. Chi segue un regime alimentare di tipo dietetico deve però fare attenzione all’apporto calorico fornito dalle noci: il consumo ideale è di due o tre noci al giorno tre volte a settimana.

Il consumo di noci sembra far bene anche alle persone che hanno problemi di calvizie. Minerali come ferro e rame contrastano la caduta dei capelli, aiutando la chioma a rigenerarsi più facilmente, specie in estate, periodo nel quale si perdono numerosi sali minerali attraverso la sudorazione.

Varietà di noci nel mondo

Esistono diverse varietà di noci che si differenziano per forma e caratteristiche nutrizionali. La varietà più diffusa nel nostro paese è quella di Sorrento. Le noci di Sorrento, o noci sorrentine, sono caratterizzate da un guscio chiaro e sottile ed un gheriglio croccante che si estrae facilmente ed è largamente impiegato nell’industria dolciaria.

Nel continente americano si trovano diverse varietà di noci apprezzate in tutto il mondo. Le noci di Pecan, coltivate nelle zone del nord America, subiscono un processo di conservazione particolare: prima di essere messe in commercio, infatti, sono sottoposte ad un processo di disidratazione che rimuove l’umidità all’interno del guscio. La varietà del nord America presenta un elevato contenuto di grassi polinsaturi che rendono l’alimento più calorico, ma anche più ricco di antiossidanti capaci di contrastare l’invecchiamento cellulare.
Altrettanto famosa è la noce del Brasile, anche nota come noce dell’Amazzonia, contenuta in un mallo piuttosto grande e simile alla noce di cocco. I benefici delle noci del Brasile sono soprattutto dovuti al selenio. Questo minerale è un potentissimo antiossidante che combatte i radicali liberi, principale causa dell'invecchiamento delle cellule. Le noci del Brasile sono largamente impiegate anche nell’industria cosmetica per la creazione di shampoo e balsami che aiutano a rendere la pelle più brillante e i capelli più forti e lucenti.

Effetti benefici per il metabolismo sono invece maggiormente ricavabili dal consumo delle noci di Macadamia, o noci australiane, dal sapore dolce e delicato, particolarmente ricche di acido palmitoleico.

Infine, nel continente africano troviamo le noci di Cola, meglio conosciute col nome comune di noci africane: si tratta di una varietà ricca di caffeina e teobromina, dal gusto amaro, utilizzata per la preparazione di prodotti alimentari e bibite, come la cola, appunto. Questi principi attivi sono inibitori della fame e rendono queste noci particolarmente efficaci nelle diete dimagranti o come alleate del sistema nervoso.

20 Marzo 2019