Scopri come preparare: Gnocchetti alla romana per i piccoli Guarda la videoricetta

Gnocchetti alla romana per i piccoli

Primo
Ecco una ricetta ideale per i bambini: gnocchetti alla romana ricoperti da una croccante crosticina dorata e con un cuore cremoso e nutriente all'interno, preparati in modo creativo e fantasioso con l'aiuto dei più piccoli divertendosi in cucina.
Procedimento

In un pentolino mettere a bollire l'acqua o il latte. Quando bolle versare il semolino mescolando bene e aggiungere un pizzico di sale e l'olio evo. Cuocere per 15 minuti continuando a mescolare in modo tale che non si formino grumi. Una volta pronto, versare il composto tra due fogli di carta forno e stenderlo con l'aiuto di un mattarello. Dopo che il composto si sarà raffreddato formare gli gnocchi utilizzando dei coppapasta dalle forme più fantasiose, magari facendovi aiutare dai vostri bimbi. Una volta ottenuti gli gnocchi, metterli in un recipiente di terracotta per la cottura e cospargerli di concentrato di pomodoro diluito con poca acqua, parmigiano e un filo d'olio. Cuocere nel Grand Chef Evolution secondo scheda tecnica.
 

Non possiedi Grand Chef Evolution per realizzare questa ricetta?
Scopri come averlo

Gli gnocchi alla romana: latte, semolino e un po' di fantasia

Il semolino è uno dei primi alimenti che i nostri piccoli imparano a conoscere. Leggero e digeribile, viene inserito nella dieta del bambino fin dai primi mesi di vita, nella fase di primo svezzamento. È un alimento nutriente e dal gusto delicato, perfetto per i nostri bimbi anche quando cominciano a crescere e a diventare più esigenti e curiosi, perché si presta ad essere preparato in modi più appetibili e fantasiosi, e in diverse varianti.

Una ricetta per gli adulti che si adatta anche ai nostri bimbi è quella degli gnocchi alla romana, gnocchi di semolino dalla forma rotonda ricoperti da una croccante crosticina dorata e con un cuore cremoso all'interno. Per prepararli vengono comunemente impiegati, oltre al semolino, latte, burro, uova, parmigiano e pecorino romano, e come condimento polpettine di carne e salsa di pomodoro, ma possono essere anche realizzati senza uova e con l'aggiunta di semplice concentrato di pomodoro, come nella divertente versione che ne prepara Chef Bartolo con il Grand Chef Evolution.
 

Dove nasce la ricetta degli gnocchi alla romana?

È il nome stesso che lo dice: la ricetta degli gnocchi alla romana è tipica della tradizione gastronomica laziale, in particolare di quella romana. Ma sicuro che sia proprio così? Lo confermano diverse fonti autorevoli della storia della cucina locale. Pensiamo ad esempio al libro "La scienza in cucina e l'arte di mangiare bene" di Pellegrino Artusi in cui, fin dalla prima edizione del 1891, gli gnocchi alla romana vengono indicati senza alcun dubbio tra i piatti tipici romani. La loro origine sembrerebbe piuttosto antica e il loro consumo legato a eventi importanti e a festività. Ma non tutti concordano con questa tesi.

A sollevare qualche dubbio sono soprattutto alcuni degli ingredienti della ricetta degli gnocchi alla romana: il burro e il parmigiano reggiano, che è andato nel tempo a sostituire la gruviera, impiegata con buona probabilità nella ricetta originale. Si tratta di componenti tipiche della cucina settentrionale, di regioni come il Piemonte o la Lombardia, che non trovano largo impiego nella cucina tradizionale romano-laziale. Del resto, quale che sia la sua vera origine, la ricetta degli gnocchi alla romana è talmente radicata nella cultura gastronomica della Capitale che non può che essere considerata un piatto tutto laziale, che troverete nei menù tipici di tutte le trattorie e che ogni romano doc non rinuncia a consumare tutti i giovedì, come vuole la tradizione.
 

Gnocchi di patate o gnocchi alla romana?

Non fatevi ingannare dal loro nome! Gli gnocchi alla romana hanno ben poco a che vedere con gli gnocchi comunemente conosciuti ed impiegati nella cucina italiana. Questi ultimi, infatti, sono fatti con farina e patate, ingredienti del tutto assenti nella ricetta degli gnocchi alla romana, e anche il loro aspetto è totalmente diverso: piccoli e allungati, di forma leggermente ellittica, gli gnocchi comuni non ricordano affatto gli omonimi dischetti rotondi, e inoltre, a differenza di questi, vengono semplicemente cotti in acqua bollente, come la pasta.

Il consiglio dello chef

La ricetta originale prevede l'impiego del burro ma l'olio extravergine di oliva è certamente più salutare e quindi più adatto per i bambini.