Scopri come preparare: Castagne arrosto
Castagne arrosto

Castagne arrosto

Piatto unico
Le castagne arrosto, con il loro profumo avvolgente, la superficie croccante e la polpa morbida e fumante, sono quanto di meglio si possa desiderare nei freddi e umidi pomeriggi autunnali. Con Grand Chef Evolution prepararle è semplicissimo, scopri come.
Procedimento

Come prima cosa incidere le castagne e metterle a bagno per almeno mezz'ora.

Mettere nel Grand Chef Evolution la teglia forata sulla griglia media e preriscaldare alla temperatura di 260°C, fan alta.

Inserire le castagne e cuocere a 235°C fan alta sulla griglia media secondo scheda tecnica avendo cura di girarle a metà cottura.
Una volta pronte sbucciare le nostre caldarroste e gustarle ancora calde.

Non possiedi Grand Chef Evolution per realizzare questa ricetta?
Scopri come averlo

Come conservare le castagne

Se siete anche voi degli amanti delle castagne, e se attendete con ansia la stagione autunnale per poterne fare scorpacciate, vi farà piacere sapere che le castagne fresche possono essere conservate anche per diversi mesi dopo il loro acquisto. Non dovrete così aspettare necessariamente l'autunno per gustare questi frutti deliziosi. Come? Basterà lavarle e asciugarle accuratamente, quindi inciderle e conservarle in freezer negli appositi sacchetti; in questo modo sarà possibile conservarle anche per 6 mesi. Le castagne possono essere congelate anche già arrostite e sgusciate, avendo cura di riscaldarle prima di servirle. Se pensate di cucinare le vostre castagne entro un mese dal loro acquisto, potete invece riporle in frigorifero, ad una temperatura di circa 2°C.

Esistono anche altre procedure per la conservazione delle castagne che trovano la loro origine nella tradizione. Una di queste è il metodo della "novena" o della "curatura dell'acqua". Come suggerisce il nome, questo metodo consiste nel tenere le castagne per nove giorni in ammollo nell'acqua a temperatura ambiente; in questo modo le castagne fermenteranno leggermente e, dopo essere state ben asciugate, possono essere conservate per circa 3 mesi. Inoltre dopo un paio di giorni di ammollo le castagne rovinate saliranno a galla ed è quindi possibile eliminarle. L'acqua va cambiata durante l'intero periodo secondo tempi e in quantità che variano in base alle tradizioni locali. Uno volta asciugate le castagne vanno tenute all'aria non esposte alla luce diretta del sole e rigirate di tanto in tanto, quindi conservate in sacchetti forati, ad esempio di juta.
Un altro metodo ugualmente efficace è quello dell'insabbiatura, che consiste nel tenere le castagne immerse, a strati sovrapposti, nella sabbia o nella segatura; in questo modo le castagne si conserveranno per circa 2 mesi.

Come sbucciare facilmente le castagne

Le castagne arrostite sono sicuramente uno dei modi migliori per gustare questo frutto. Ma ci sono anche altri metodi di cottura in grado di esaltarne il sapore; uno di questi è la bollitura in abbondante acqua leggermente salata e aromatizzata con timo, alloro o semi di finocchio.

Una volta cotte, sbucciare le castagne può risultare un'operazione piuttosto difficile. Anche se il loro incredibile sapore saprà ricompensarvi della fatica, esistono alcuni accorgimenti che vi permetteranno di rendere più semplice questa operazione. In primo luogo va detto che, prima di cucinare le castagne arrostite, è necessario inciderne la buccia tagliandola sul lato bombato per tutta la sua lunghezza, o in alternativa praticando un taglio a croce; l'incisione può essere fatta con l'aiuto di un coltellino, ma bisogna fare attenzione a non intaccare anche la polpa della castagna. Questa operazione serve ad evitare che la castagna esploda sotto l'effetto del calore e, soprattutto, la rende più semplice da sbucciare: una volta cotta, infatti, basterà lasciarla raffreddare avvolta in un panno umido e quindi schiacciare leggermente la buccia per eliminarla.

Se poi utilizzate Grand Chef Evolution per preparare le vostre castagne arrosto, sbucciarle risulterà ancora più semplice e veloce perchè la loro buccia verrà via facilmente insieme alla pellicina.

 

Le castagne bollite sono invece più difficili da sbucciare; in questo caso può essere utile aggiungere un cucchiaio di olio di oliva all'acqua di cottura, o, in alternativa, tenerle a mollo in acqua fredda per circa 2 ore prima di cuocerle.

Calorie e valori nutrizionali delle castagne

Ricche di amidi e fibre, le castagne sono un alimento in grado di provocare una sensazione di sazietà in chi le mangia. L'apporto calorico è piuttosto elevato: a 100 g di castagne arrostite corrispondono 193 kcal, che scendono a 120 kcal nelle castagne bollite, mentre le castagne secche apportano ben 287 kcal. Pur essendo considerato un frutto secco la loro composizione è molto vicina a quella del frumento. Sono ricche di sali minerali, soprattutto di potassio, fosforo, calcio, zolfo e magnesio, e contengono vitamine del gruppo B, vitamina C, proteine e carboidrati complessi.